Boum Boum

esplosionecaro diario….:) caro blog!

oggi è stata una giornata, strepitosa, scintillante.. come non mi accadeva da tempo..  sento ancora un brusio, uno scintillio di emozioni all’interno… sono un po eccitata, un po vibrante… un po…..instabile… ma bello. non capisco.. se è positiva questa instabilità, o dovrei essere più calma.. forse più calma.

è strano… ad un certo punto mi è venuta una battuta… wow. mi sono sorpresa di come le battute giungano così dal nulla per niente… la mia coinqui mi parlava di uno con cui usciva che è andata male.. e lo chiamava amico del buongiorno… perchè le dava sempre il buongiorno.. e io gli ho detto da amico del buongiorno… è diventato amico della buonanotte.. nel senso di.. “e buonanotte!” e ci siamo messe a ridere. e io mi son messa a ridere.. e mi sono stupita.. di come è ritornata fuori in me questa energia, questa ilarità.. creatività? da dove viene? così non me la so spiegare neanche io.. dopo tanto bianco e nero… un po di colore… risulta in tutta la sua magia e forza. si perchè non è stato solo un po di colore. è stato proprio un bel colore. non opaco. ma scintillante.. mi ha lasciato ancora questo stato di brividino.. di tremolino dentro che non capisco..

vorrei parlarne con qualcuno.. vorrei parlare con un esperto di emozioni... xD dov’è un monaco tibetano?! chissà se esistono libri sulle emozioni…. o lo devo creare io? 😛

adesso cerco.. a proposito di cercare…. oggi mi sono imbattuta in questo… a proposito di vecchi schemi da rompere e creatività.. “la luna”

http://lamenteemeravigliosa.it/cortometraggio-lasciate-che-i-bambini-scelgano-la-loro-strada/

 

ho voglia di diffondere, ho voglia di sprigionare parole e energia.

da dove viene? cosa farci?

come posso aiutare? devo aiutare? o devo clamarmi?

è euforia e non calma? come mi devo riequilibrare? ascoltare, e osservare…

 

e il destino? non so.. non credo che possa andare contro il destino a tutto questo.

può ancora coesistere con la mia visione. come può il destino coesistere con la creatività? non lo so… ma ora non importa.. non mi conviene guardare dal lato del destino..

mi conviene guardare dal lato.. quello che posso fare io..

e per il resto.. si sono in una bolla… di nulla.. non so dove vado, non so da dove vengo..

polvere di stelle.. probabilmente ritorno polvere…

probabilmente quando incontro Dio.. ritorno nulla.

oppure no. tanto vale scommettere sul no.

tanto vale… continuare a provare a brillare..

 

ecco con questi pensieri.. ecco che mi riporto.. lentamente giù.

bene… l’occasione per provare che posso rialzarmi.

che senso ha stare giù?

per forza bisogna provare ad alzarsi…

 

e strano quando sono felice il mondo attorno a me cambia.

le persone…. sono molto influenzate da me..

cioè non sono solo io che filtro le cose in modo diverso. sono proprio loro che cambiano in base a me.

non so se in positivo.

mia sorella… oggi… si è lasciata andare. l’ho sempre vista trattenuta.

ieri sera mi avrà sentito… che parlavo con mia mamma.. dicendo che è difficile. che non so come fare. che è inutile che gliene parlo.. che anche se lei mi volesse aiutare.. non sa davvero come fare.

solo quando mi ha ascoltato senza dire niente.. li forse mi ha aiutato.

poi interveniva.. o poi le si leggeva negli occhi che non era d’accordo…

ho interrotto… ed è rimasto tutto pace.

e stamattina.. ritornato l’umore..

nei giorni precedenti è stato molto difficile. non so se è davvero la scuola.

o cosa.

comunque.. la sorella. oggi si è lasciata andare. era triste.. non so se triste.. ma annoiata, stanca, affaticata…

e ha detto… vado a studiare.. tutta stanca… e le ho sorriso. e mi ha sorriso.

pensavo ma cos’è mi prendi in giro? fai il contrario di quello che dico io per partito preso?

le voglio bene. l’ho pensata in questo periodo. ma era difficile..

mi manca.. mi manca sapere cosa fa? come va? la penso in questo momento..

ridevo. rideva. era giù.. ma è come se da quel giù potessi ritirarla su.

e Lui… avrei una voglia di… riempirlo di blabla… oddio e pensare che non potevo pensarci.. che le ultime volte il pensiero di non parlargli… mi buttava nell’ansia.

che strano.. destino? ora quasi stavo per pensare… ti voglio bene, ti amerò come posso sempre.. e senza di te.. non voglio stare con enssun altro.. non so come farei senza di te.. eppure è strano non riesco a fare neanche con te… e all’improvviso… marea di blabla….

e ancora a proposito di destino… oggi volevo riparlargli.. ma il destino mi ha frenato. perchè avevo finito i soldi. destino? o io che non mi sono ricordata la ricarica… che scadeva proprio oggi?

non voglio il destino. voglio farcela da sola.

so solo che se c’è il destino.. c’è anche il libero arbitrio.

più posso volere.. più vedrò alla mia guida il destino..

ma intanto posso volere. la ruota gira? sono ancora nel meccanismo di luce di prima?

riso, gioia, creazione, bellezza.. emozioni, fuoco..

ah e con la coinquilina… ho visto. ho visto come se sono felice.. tutte le sue lamentele che a volte mi possono dare così difficoltà, per non sapere come gestirle… all’improvviso… diventavano un sottofondo musicale, una storia interessante.. e poi fonte di ilarità. era bello, era speciale…. era tutto bello.

cosa ho imparato da questo periodo buio? che le persone sono me dipendenti. che devo fare qualcosa per rendere consapevoli.. al di là di me. perchè se crollo io… crolla tutto. invece se crollo io… loro devono resistere.

voglio fare qualcosa in più..

 

un’altra cosa interessante… quando sono felice…e parlo di me… prima pensavo.. che fosse egoismo.. che la gente parla sempre pensando di se.. come si può parlare non pensando di se… invece.. ora mi sembra… che non è egoismo.. perchè quello che dico.. anche se lo dico parlando di me… lo dico per trasmettere gioia, per regalare… quindi cambia tutto… ho un sentimento di bellezza dentro… quindi non è importante quello che dico.. ma il come…

 

ho imparato… che devo fare in modo che gli altri costruiscano da soli, non sinao me-dipendenti. ho imparato che la mia mente.. è davvero plastica. che devo riabbracciare la vita. devo insistere solo su quello. perchè sennò che senso ha? ho imparato.. che posso davvero… vivere la creatività.. come mistero, come magia… (vedi battuta che viene dal nulla)… e posso farmi fare quello che voglio.. devo programmarmi, controllarmi.. e ho imparato che devo amare tutta la vita. non solo un suo aspetto. devo diventare io stessa amore. cosa è amore poi?

e poi quando mi critico molto.. la situazione può diventare molto pesante.. come un sistema con eccesso di burocrazia.. ogni singolo passo.. può diventare fallato…e rallentare tutto il meccanismo tutto il ssitema.. ogni singola azione e paralizzare… ma non è un male. se mi critico.. (posso ascolatare le domande/critiche per migliorarmi.. e non preoccuparmene troppo, osservandole, accettandole e lasciandole andare… (naturalmente impensabile il rispondervi.. sono così tante quando arrivano da me… e sono come frecciatine.. che mi dicono di continuo.. guarda come fai male, guarda come sei indietro, perchè sei così lenta! che schifo… hai sbagliato ancora… e comprendi che non è importante ascoltarle… devi solo lasciarle andare.. e pensa che sono come… indirizzi/misuratori che dicono stai andando male.. stai andando male… accetta… e lascia scorrere… )

ascolta e ignora… in una parola = accetta (e non/senza preoccupartene..)

e mi è stato molto di aiuto.. camminare.. camminando. anche ogni passo.. ogni cosa che facevo… era sbagliata, non aveva senso camminare.. e invece andavo avanti. dovevo fare il mio giro… e vedendo che mi muovevo, che andavo veloce.. anche se la mia testa rallentava… mi ha fatto vedere che dovevo ignorare.. ignoravo con il movimento.. e allo stesso tempo ascoltavo.. cioè ascoltavo e rallentavo i pensieri.. e allungavo/mantenevo il passo.. come per dire.. ti ascolto e ti ignoro. ti ascolto e non mi importa. ti accetto così come sei.. ma io vado avanti. non so se rendo.. la sensazione.. ti accetto. e riesco ad andare avanti. forse è meglio piuttosto che ti accetto ma vado avanti. non è che me ne frego.. ma scivola.. e diventa… bello?

quindi ascolarle.. vedere come fare e lasciarle andare…

e poi…? per tutto ascoltare le emozioni, autoosservarsi

e fondamentale… programmarsi le cose da fare.. e darsi un programma… darsi degli obbiettivi.. non sentire che gli obbiettivi sono importanti.. ma è un po.. come riportare nella realtà quelle domande che hai dentro… non so perchè io credo mi abbia aiutato..

è tautologica come cosa? devo combattere devo farcela, devo credere di farcela…

facile dirlo quando ci si riesce?

eppure.. quando mi stanco.. ho voglia di lasciarmi andare e basta a volte…

non lasciarsi andare. programma. leggero e facile.. che ti permette di mantenere quellos tato di attività felice interna. e solo quando vedi che riesci a mantenerlo.. allora.. puoi liberarti dal programma.. ma è difficile..

 

chissà se è illusione. dopo ogni giorno che scrivevo qui… qualcosa di bello… il giorno dopo ritornava tutto strano, triste.. come l’ultima volta che avevo scritto della meditazione…

 

chissà se ho imparato davvero qualcosa… o è destino… cioè entrambi… io e destino..

poco importa.. continuo-devo insistere sull’imparare. voglio dare un senso a questa vita.. che un senso non ce l’ha… o sì? o entrambi? io spero di sì.. e basta… chissà.. intanto non ho scelta.. vivere.

 

ps… questa piccola vibrazione.. mi induce in un extra stato di fare… che invece devo controllare… troppo fare.. non va bene neanche quello.. fare con calma.. (non c’ero più abituata ultimamente.. 😛 tutto il fare tralasciato.. a favore dello studiare.. :P)

nannaaa 🙂

Galleria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: