Nuovo titolo!

Buongiorno.. allora.. ci pensavo da un po’ di tempo.. Oggi ho un po di tempo.. quindi oltre che pensare.. posso fare qualcosa di più per agire.. Ecco allora l’idea del nuovo titolo..

allora pensavo che a volte vorrei condividere i miei pensieri.. è che in effetti non sono immediati.. forse dovrei renderli più fluidi.. comunque oggi riguardando di strada ne ho fatta.. si vede nelle pagine, o almeno io riconosco come sono cambiata.. per esempio a parte gli argomenti.. all’inizio gioia senza capire.. poi il cercare di capire che ha portato ad un grande vuoto.. poi dal vuoto ritrovare la costruzione.. ma sbalzi ce ne erano ancora.. la grande svolta penso risalga al 2016.. se c’è una data che posso prendere a cambiamento come riferimento direi il 20 aprile 2016.. e ora mi sembra ancora un po più stabile, mi sento un po’ più equilibrata.. quando scrivo meno sbalzi su e giù.. e più possibilità di avere un energia disponibile e costante sempre, e più malleabile e più dominabile, e più controllo e più potere… e quindi ancora più energia.. ma vedo anche che c’è ancora tanto da fare, da espandere…! un equilibrio che posso fortificare e abbellire e far risplendere sempre di più e in modo più automatico..

allora tutto questo sarebbe appunto bello da dire.. mi piace scrivere.. ci sono tante cose da sistemare.. però penso che possa essere interessante comunque quello che ho da dire.. e se intanto riesco a condividerlo.. si potrebbe già generare del valore aggiunto… con questo senso di espansione che dà l’idea della condivisione..

i dubbi.. come faccio a scrivere? dove scrivo? e allora l’altro giorno ho pensato che posso riprendere in mano il mio blog.. ho pensato ne faccio uno nuovo inizialmente.. ma poi ho pensato posso lasciare direttamente questo.. così nell’archivio c’è la storia del percorso.. che è valore aggiunto anche quello.. come si arriva ogni giorno a quello successivo.. è più bello e più semplice.. e poi il dubbio.. ma ciò che ho scritto andrà bene? sono stata troppo personale? parlo di riferimenti di cose o persone.. potrei pentirmene..? è ingenuo poco saggio condividere tutto così? mi è venuta in mente la storia di Disney con Topolino.. non aveva più niente e gli era rimasto solo quel topolino.. poteva donarlo al mondo e rischiare di perdere, rovinare anche quello o tenerselo.. beh. io non voglio rischiare.. cioè almeno nella mia vita voglio fare in modo di ridurre il rischio sempre un po di più. ormai penso di essere in delle condizioni per cui me lo posso permettere… non si può rimuovere probabilmente del tutto.. ma ci si può avvicinare sempre di più.. quindi per quanto poetico sembra… il lasciare andare tutto, donarsi completamente e scoprire di ricevere qualcosa di più grande… calma. posso mettere un po di sicurezza in più.. in modo da donare tanto e avendo un po’ di più della sicurezza dalla mia parte posso donare tanto di più di quanto riuscissi senza quella sicurezza e ricevere quindi ancora di più.. mantenendo una stabilità di fondo… quindi andrà bene quello che ho scritto? posso fare di più? dovrei ricontrollare tutto? il problema si stava un po troppo infittendo.. alla fine ho detto boh, vedremo. stamattina ho aperto, ho scorso qualche pagina.. ahah alcune cose ne avevo poca voglia di rileggerle io stessa.. mamma mia come posso essere articolata… credo che la fluidità e semplicità e siano elementi su cui pianino posso lavorare.. ma appunto nella loro “articolosità” credo che un succo di “interessosità” ci sia e sia importante… e probabilmente ci sono anche magari persone che hanno bisogno che possono trovare comunque il fascino nella “articolosità”.. allora dicevamo.. ho riletto indietro** (vedi poi fine post) .. e ho pensato.. massì dai è abbastanza impersonale.. non ci sono grandi rischi… la bialncia è molto più spostata sui vantaggi che sui possibili rischi che ora mi sembrano comunque ridotti.. posso usare direttamente questo.. beh.. intanto cambiamo il titolo.. poi vediamo come espandere.. e nel frattempo osserviamo se l’idea di espandere resta forte e costante e stabile.. e convinta… soprassediamo e vediamo se c’è abbastanza stabilità in queste idee.. piccola garanzia che possa avere forza nel tempo.. diversamente dal singolo entusiasmo di un momento che svanisce.. altrettanto velocemente… io voglio entusiasmo costante.. magari meno forte.. ma sempre presente.. e sempre un pò’ di più.. sentire come cresce lentamente.. e sentire che sono io.. beh questo lo rende estremamente forte.

allora il titolo… tra l’altro in questi giorni stanno succedendo un po’ di cose.. mi manca un esame.. ho un po’ più di tempo.. e qualche giorno fa mi ha scritto un amico dei suoi progetti.. tramite una canzone.. ahah.. io gli ho scritto.. che avrebbe forse dovuto esprimere un concetto andando di più oltre la dualità.. forse.. ma ora direi.. forse sono io quello che deve fare questo.. ecco traamite questo titolo.. e questo amico in realtà è interessante.. perchè mi sa che riesco a cavalcare un pochino la sua energia.. per concentrare la mia.. e insomma è anche coinciso con questa canzone.. quante volte in passato ho pensato.. trasmetto entusiasmo agli altri e dopo con il mio entusiasmo gli altri non so se se ne rendono conto ma hanno più ispirazione.. se me ne vado la perdono un po’. ecco questa volta mi sono sentita un po di trarre ispirazione. altre cose in questi giorni fondamentali di svolta.. nel giro di un giorno.. ho affrontato un esame.. il penultimo.. la fine del dualismo.. ora ne manca solo uno, la grande prova.. ciòè solo uno orale.. ma gli scritti di solito riesco ad affrontarli con più coraggio.. e quindi wow. e poi c’è un altra mia metà di me.. la mia sorella.. che ha finito la sua laurea.. nello stesso giorno del mio penultimo esame.. e adesso anche lei si può dedicare ai suoi progetti.. (verso i “big money” ha detto..!!) ..insomma credo che siano tutte ulteriori pennellate di bellezza nell’opera d’arte della vita che sto vivendo-creando.. e diano un bell’impulso e aumentino il valore di questo momento.

Quindi questo titolo.. dal dualismo alla luce e all’uno.. vecchio titolo.. “il senso e il paradosso, l’unione e gli opposti – ..perdere l’esistenza nello sguardo di Dio..” nuovo titolo.. “diario di una buddina”. esprime creatività, arte.. ponendosi direttamente un po’ più oltre.. Era da un bel po’ che ormai non mi riconoscevo in quel titolo.. e appariva sempre più lontano.. per quanto anche caro in un certo senso.. e diario.. e da quando sono piccola che scrivo pagine e pagine di diari.. era da un po che non lo facevo.. ho avuto qualche anno un po’ più di vuoto.. in cui mi sono dedicata di più alla pratica.. all’azione.. beh.. ora posso tornare ad associare anche il diario.. mi viene così facile e naturale.. può essere interessante.. almeno per un periodo.. perché mi va fondamentalmente.. fino a quando avrò esaurito anche questo desiderio.. ma credo sia davvero anche importante…

Qui il vecchio titolo.. per non dimenticare.. vecchio titolo blog - senza broswer

**PS: ah e comunque rileggendo.. ho trovato un post con il mal di pancia nel titolo.. e mi è venuto in mente appunto l’argomento per il prossimo post… che avevo pensato qualche giorno fa.. ma poi avevo un po perso l’idea.. ecco che è tornata abbastanza forte e interessante..

Galleria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: