Vedere la realtà come un gioco di equilibri di qualità positive.

IMG_20190204_215428.jpgSi può vedere la realtà come un gioco di equilibri. Un equilibrio che si crea tra qualità opposte. Sono tantissime le qualità che costituiscono la realtà. Ma per ogni qualità c’è la sua qualità opposta. Per stare bene dovrebbero esserci (o dovrebbero essere viste, perché in un certo senso già ci sono) tutte insieme e tutte ben bilanciate.

Il famoso yin e yang. Non parlerei di bene e male. Il male mi verrebbe da dire che non esiste. Esiste in quanto eccesso di una qualità rispetto alla sua contrapposta. Quindi non è altro che una bilancia che pende più da una parte e non vede l ora di ritornare bilanciata.

E anche questo eccesso direi è solo parizlae, perché magari c’è una visione limitata.. Che se guardasse più dall alto.. Ritroverebbe il bilanciamento. Lo sbilanciamento è solo in una regione piccola. Se si ampliasse la visione si troverebbero tuttee componenti e si vedrebbe l equilibrio.

Questo è utile da capire perché ti pone nelle condizioni di avere una strategia da usare per riportare la “pace”. Ricercare l equilibrio. Che deve essere il punto di riferimento. Non possiamo farne a meno. E capendo questo, tutto fluisce meglio. Diventa tutto un lavoro più consapevole verso l equilibrio. Si possono fare degli esempi. Bisogna essere forti e gentili. Non bisogna eccedere in una qualità, ma avere il giusto equilibrio tra queste due per essere felici. O ancora essere amorevoli e indipendenti dare all altro e allo stesso tempo prendere per se stessi. Quando fai qualcosa di bello.. Senti che oltre che a dare all altro.. Allo stesso tempo staigia facendo per te stesso. Occorre lavorare per riuscirci ma un po’ viene anche spontaneo.. E quasi inevitabile. Impegno e rilassatezza. Pace e azione. Prendersi cura e non interessarsene troppo allo stesso tempo. Si può provare ad esercitarsi per questo nelle cose che ci interessano di meno ma per cui proviamo comunque un certo feeling in modo che se non va come vogliamo va bene comunque.. Però intanto ci viene6avvastanza facile anche cercare di dedicarci con la maggior cura possibile.. E cercare di espendere questo sempre di più in ogni campo. Particolare e generale insime. Si può cercare in ogni situaziine di capire dove sia lo squilibrio e dove portare l equilibrio (es se c’è troppo interesse verso se stessi.. Concentrare il focus verso l interesse per gli altri per riequilibrare la bilancia.. E viceversa) oppure si può anche direttamente vedere l equilibrio, sentire l equilibrio che già c’è in ogni momento dentro di noi. Credo che il meglio sia lavorare appunto sui due piani contemporaneamente generale e particolare. Quindi pensare e creare ma anche ripetere un mantra come una formula automatica che però crea comunque bellezza.

Questo sarebbe bello portarlo sul piano consapevole di più persone possibili. Renderebbe tutto più fluido e facile. Mettere intanto la ricerca della felicità come scopo Dell uomo. E questo è già più comprensibile. E poi capire che per raggiungerlo è utile una visione della realtà come un gioco di equilibri. occorre il lavoro sull equilibrio. Vedere in ogni cosa un equilibrio di qualità opposte più o meno bilanciato. E il nostro compito è cercare di bilanciare questi equilibri. Su tutti i piani. Per noi e per gli altri. E se gli altri non sono in equilibrio non possiamo esserlo anche noi. Dobbiamo avere un movimento equilibrato verso noi e verso gli altri. E porci sempre di più su un piano superiore in modo da riuscire a inglobare sempre più persone nella Bellezza.

Ancora quindi. Non esistono qualità che non siano positive. Bisogna vedere le qualità in quanto positive e insegnare agli altri e a noi stessi quelle che mancano, come bilanciarle. Per bilanciarle basta pensare concentrarsi sulla qualità che occorre e a modi per svilupparla e viverla. Pensare a persone che hanno quella qualità che serve e farla propria. Grazie un po’ tipo all effetto neuroni a specchio dovremmo riuscirci. Tanto meglio se conosciamo direttamente qualcuno che incarna la qualità desiderata. In questo modo quindi si cerxa di fare propria ogni qualità, per una sorta di sviluppo a 360 gradi. Focalizzarsi su alcune, per fare in modo di avere il giusto equilibrio fra tutte. Inoltre pensare come di averle già tutte, focalizzarsi su tutte insieme subito, focalizzarsi su uno stato di equilibrio complessivo, per colmare in automatico tutte le singole qualità. Quindi ancora una volta un gioco di equilibrio. Muoversi per lavorare su più punti di vista e stare già fermi nella calma.

 

Galleria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: